Richiesta contributi in seguito a furti e atti vandalici
                                                                     IL DIRETTORE GENERALE
VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre 1996 e successive
modificazioni che disciplina le iniziative complementari e le attività integrative delle istituzioni
scolastiche;
VISTO l’art. 21 della Legge n. 59 del 15 marzo 1997, che riconosce personalità giuridica a tutte le
istituzioni scolastiche e ne stabilisce l'autonomia, quale garanzia di libertà di insegnamento e
pluralismo culturale;
VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 249 del 24 giugno 1998 e successive
modificazioni, concernente lo Statuto delle studentesse e degli studenti;
VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, recante "Norme in materia di
autonomia delle istituzioni scolastiche";
VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante "Norme generali sull'ordinamento del
lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche";
VISTA la Legge 31 dicembre 2009, n. 196 avente per oggetto "Legge di contabilità e finanza
pubblica";
VISTO il Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 recante “Riordino della disciplina riguardante
gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche
Amministrazioni”;
VISTA la Legge n. 107 del 13 luglio 2015 recante “riforma del sistema nazionale di istruzione e
formazione e delega per il riordino delle diposizioni legislative vigenti”;
VISTO il Decreto n. 129 del 28 agosto 2018 che riporta il “Regolamento recante istruzioni generali
sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'articolo 1, comma
143, della legge 13 luglio 2015, n. 107";
VISTO il Decreto Direttoriale n. 74 del 5 gennaio 2018 della Direzione Generale per le risorse umane
e finanziarie recante gli orientamenti interpretativi riguardo al citato Regolamento amministrativocontabile;
VISTA la Legge n. 440 del 18 dicembre 1997, concernente “l’istituzione del Fondo per
l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi" ed in particolare
l’art. 1 commi l e l bis;
VISTI il Decreto ministeriale n.851 del 27 ottobre 2017 e il Decreto Ministeriale n. 721 del 14
novembre 2018 recanti "Criteri e parametri per l'assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie - Ufficio IX
per la determinazione delle misure nazionali relative alla missione Istruzione Scolastica, a valere sul
Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”;
VISTO l'articolo 37 del DM 851/2017 che destina la somma di euro 1.520.000,00 milioni per le
istituzioni scolastiche statali per far fronte ad eventi eccezionali appositamente documentati che
richiedono interventi urgenti al fine di garantire la continuazione dell'ordinaria gestione delle
istituzioni scolastiche medesime;
VISTO l’articolo 14 del DM 721/2018 che destina la somma di € 2.000.000,00 milioni per le
istituzioni scolastiche statali per far fronte ad eventi eccezionali appositamente documentati che
richiedono interventi urgenti al fine di garantire la continuazione dell'ordinaria gestione delle
istituzioni scolastiche medesime;
CONSIDERATO che il comma 2 del sopra citato articolo prevede che con decreto del direttore
generale vengano definiti i criteri e le modalità di presentazione delle richieste di intervento da parte
delle istituzioni scolastiche interessate dagli eventi dannosi;
                                                                                 DECRETA
                                                                             ARTICOLO 1
Al fine di garantire la continuazione delle ordinarie attività didattiche ed amministrative, ai sensi
dell’articolo 37 del Decreto Ministeriale 27 ottobre 2017, n. 851 e dell’articolo 14 del Decreto
Ministeriale 14 novembre 2018, n. 721, è destinata la risorsa finanziaria complessiva pari ad euro
3.520.000,00 (tremilionicinquecentoventimila//00) alle istituzioni scolastiche ed educative statali che
hanno subito eventi eccezionali di furti, atti vandalici e/o danneggiamenti di materiale didatticolaboratoriale,
nonché di beni in uso all'istituzione, negli anni scolastici 2016-17, 2017-18 e 2018-19, e
che hanno sporto regolare denuncia alle autorità competenti nel medesimo anno scolastico.
                                                                Articolo 2
Le istituzioni scolastiche che hanno subito, alla data del 30 aprile 2019, atti ed eventi di cui all'articolo
1 possono, entro il 30 maggio 2019, presentare domanda attraverso la piattaforma MONITOR,
raggiungibile all’indirizzo www.monitor440scuola.it, all’apposita sezione “Rilevazioni”.
                                                                 Articolo 3
La presentazione delle istanze avviene attraverso la compilazione, per ogni evento dannoso
denunciato, di uno specifico modulo informatico debitamente sottoscritto dal Dirigente scolastico.
Ciascun modulo riporta l'elenco e la descrizione dei beni oggetto di furto o danneggiamento, con
l'indicazione del relativo numero d'inventario e del valore economico d'acquisto, come da risultanze
del Libro Inventario dell'Istituzione Scolastica.
La denuncia, presentata presso le autorità competenti in occasione dell'evento di furto e/o
danneggiamento per atti vandalici dei beni per i quali è richiesto il finanziamento di cui all'articolo 1
del presente decreto, deve essere obbligatoriamente allegata alla domanda e deve essere stata
presentata nel medesimo anno scolastico in cui è accaduto l'evento.
Sono di seguito elencati i passaggi da seguire per il corretto caricamento della rilevazione:
a) Registrazione al portale: La scuola partecipante deve prima di tutto accreditarsi al portale inserendo
nella apposita casella il proprio codice meccanografico e avviando la richiesta di password che viene
successivamente trasmessa all'indirizzo email della scuola. Questo passaggio può essere saltato dalle
istituzioni scolastiche che siano già in possesso delle credenziali di accesso alla piattaforma
monitor440scuola.it.
b) Compilazione della scheda anagrafica: prima della scelta del bando al quale partecipare e
dell'inserimento del progetto, il sistema richiede la compilazione dei dati anagrafici della scuola
partecipante alla selezione;
c) Compilazione della scheda progettuale: i dati vanno inseriti compilando i campi di testo delle varie
sezioni indicate al primo capoverso di questo articolo;
d) Caricamento degli allegati: una volta completata la procedura di compilazione della scheda è
necessario caricare un file xls con l’elenco dei beni oggetto di furti o atti vandalici oltre ad almeno una
denuncia riportante i medesimi beni elencati nel file xls.
e) Caricamento degli allegati alla scheda di rilevazione: una volta completata la procedura di
compilazione della scheda progettuale e degli allegati, la scheda va scaricata sul PC, sottoscritta in
forma digitale dal dirigente scolastico e caricata nuovamente sul portale insieme agli allegati di cui al
punto d). Il sistema riconosce automaticamente la regolarità della sottoscrizione e, in caso positivo,
consente di accedere alla sezione di invio al Ministero. La regolarità delle domande presentate è
garantita dall’obbligatoria dichiarazione, da parte del Dirigente Scolastico (tramite specifica casella da
selezionare), della corrispondenza tra le richieste di risarcimento effettuate all’Amministrazione e
quanto dichiarato nella denuncia all’autorità competente.
f) Invio della scheda di rilevazione: una volta effettuato l'invio, il sistema trasmette alla email della
scuola la ricevuta di regolare candidatura. Non sono necessari ulteriori adempimenti e non sono
previste modalità diverse o ulteriori di candidatura, pena l’esclusione dalla procedura di valutazione.
                                                                Articolo 4
Il finanziamento di cui all'articolo 1 viene assegnato prioritariamente alle istituzioni scolastiche
danneggiate negli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018.
Qualora le richieste di finanziamento relative agli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018 siano
complessivamente superiori alla quota stanziata di cui all'articolo 1, si procede con una ripartizione,
per istituzione scolastica richiedente, proporzionale all'entità del danno subito.
Qualora invece le suddette istanze siano complessivamente inferiori alla quota stanziata di cui
all'articolo 1, si considerano le domande per eventi di furto e/o danneggiamento per atti vandalici
avvenute nel corrente anno scolastico, al 30 aprile 2019 incluso, fino a concorrenza dello stanziamento.
                                                                  Articolo 5
La Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie, sulla base degli elenchi risultanti dalla
piattaforma, redige un elenco complessivo delle istituzioni scolastiche risultate destinatarie del
finanziamento e provvede a pubblicarlo sul sito istituzionale del MIUR., dando comunicazione di
assegnazione/erogazione della risorsa spettante ad ogni singola istituzione scolastica.
                                                                   Articolo 6
Il presente Decreto è pubblicato sul sito istituzionale del MIUR e trasmesso a tutte le istituzioni
scolastiche statali di ogni ordine e grado.



Allegato: decreto furti e atti vandalici30-05-19 .pdf
E-Commerce powered by LoFaiTu.it